Archivio

Archivio Aprile 2008

shadow cabinet

16 Aprile 2008 3 commenti

I me remember le things how me pare (i don’t c’ho più trenty years), but, and sottolineing "but", you can call that stronzat of the shadow cabinet how te pare a you but if the best if you can make the day after the most inculing of many many years of politing militing is tiring fori the old governo ombra de Achille LittleGoose, significhing che we are in the shit and who is megl che retourn to write cinematographic stronzat on Ciak (berlusconian paper) and The Venerdi.

Prosegui la lettura…

Categorie:Argomenti vari Tag:

so’ beati cavoli nostri

14 Aprile 2008 4 commenti

Signori, l’era del grande cambiamento, pare, essere giunta.

Prosegui la lettura…

Categorie:Argomenti vari Tag:

Alabarda spaziale!!! Da 30 anni Goldrake in Italia

5 Aprile 2008 3 commenti

Era martedì 4 aprile 1978 quando su Rete 2 (oggi Rai 2) veniva trasmesso il primo episodio di Atlas Ufo Robot, il nome con cui è conosciuta qui da noi la serie UFO Robot Grendizer, la prima e più famosa serie di cartoni animati robotici giapponese mai trasmessa.
Per noi, bambini degli anni ’70, quelle immagini furono la porta verso un nuovo e fantastico mondo: quello dei "cartoni animati giapponesi". Un mondo dove alcuni di noi continuano, più o meno saltuariamente, a frequentare.
Per festeggiare questa ricorrenza vorrei raccontare di come Goldrake sia arrivato in televisione quel fatidico 4 aprile.
In Italia arrivò grazie a Nicoletta Artom, all’epoca responsabile dei programmi per ragazzi della RAI, vide alcune sequenze di Grendizer a una fiera di cartoons a Milano, che la impressionarono favorevolmente tanto da decidere di acquistarne i diritti. La fiera era il Mifed di Milano nel Novembre 1977, dove fu presentato da Antenne2.
Molto interessante è  il fatto che l’esportazione di Ufo Robot Grendizer non fosse stata prevista dalla Toei e che sia l’importazione in Francia sia quella in Italia avvennero per ragioni vicine alla casualità è la considerazione che gli autori delle sigle italiane non ricevettero né una brochure di marketing ufficiale né una qualsiasi referenza italiana sull’anime, potendo visionare solamente materiale originale giapponese, come se la Toei non avesse a disposizione all’epoca nessun materiale per approntare un’edizione all’estero, al contrario di ciò che avvenne regolarmente successivamente per gli altri anime trasmessi in Italia.
Ma la parte interessante è come i diritti arrivarono ad Antenne2. Jacques Canestrier, all’epoca rappresentante commerciale di alcune aziende produttrici di trattori, si trovava a Tokyo in viaggio d’affari quando preso dalla noia faceva zapping da un canale all’altro. Ad un certo punto la sua attenzione veniva colpita da un "cartone animato" particolare, colorato, pieno d’azione e dal design innovativo rispetto a tutto quello che aveva visto prima. Immediatamente capiva che non voleva più vendere trattori ai giapponesi ma avere i diritti di quel programma televisivo e portarlo in Francia. Corse verso il telefono e chiese con un inglese abbastanza stentato un "interprete" al portiere. Dopo alcuni minuti si presenta alla sua porta una giovane ragazza orientale che iniziava a spogliarsi davanti allo stupito francese che cercava di farsi capire indicando il televisore chiedendo "who produce? who produce?". Dopo alcuni istanti la ragazza, ormai con addosso solo la biancheria intima gli rispondeva "Toei Animation".
E da li la storia…

Atlante del Football Italiano

4 Aprile 2008 Nessun commento

Alla fine non sono scomparso, almeno non del tutto.
Da un po’ di tempo il mio tempo è assorbito dal "sito del giorno" che vi presento: l’Atlante del Football Italiano. http://www.atlantefootballitaliano.it/ Un sito che nasce con il desiderio di tramandare la memoria del football in Italia, in onore di tutti quelli che hanno amato e continuano ad amare questo splendido sport. Il mio intento è ricordare tutte le squadre così come erano realmente, con le differenze anno per anno nei caschi, nei loghi e nelle divise. Quindi un lavoro molto gravoso di ricerca e di elaborazione delle foto e delle immagini. Attualmente ho inserito le annate e i campionati fino al 1995 ma sono molto numerose le foto, vero fulcro di questo progetto, che stanno arrivando al mio indirizzo.

Poi, giusto per non farmi mancare nulla, ho iniziato ad impaginare e curare la grafica di Fumble News la fanzine dell’AIGFA (Associazione Italiana Giocatori di Football Americano) che potete vedere e scaricare qui: www.assogiocatori.it/ Nell’ultimo numero c’è la presentazione dei campionati maggiori di football di quest’anno. Quindi scusatemi se sono "assente" ma mi sono preso degli impegni niente male, ma ora cercherò di dosare meglio le forze e il tempo. Venite a trovarmi e fatemi sapere cosa ne pensate del mio lavoro.