Archivio

Archivio Settembre 2006

Crocevia

29 Settembre 2006 6 commenti


Da pochi giorni sono tornato da Cagliari, in un vecchio post raccontavo quanto amo questa città e come mi sento a ripercorrerla ogni volta.
Ancora una volta Cagliari è un crocevia della mia vita. Ho fatto e vissuto cose importanti qui, sono arrivato ragazzino e me ne sono andato via uomo (più o meno).
I giorni cagliaritani non erano di vacanza purtroppo, mia madre è stata ricoverata per una settimana all’ospedale SS. Trinità.
Il SS. Trinità (ironia della sorte da Trinità a Trinità) è l’ospedale del “mio” quartiere cagliaritano. Ho vissuto per anni a 100 mt. dall’ingresso del pronto soccorso. Appena parcheggiata la macchina ho incontrato Paolo Sini, l’eterno Paolo Sini, un personaggio che era “vecchio” e fuoricorso quando io ero matricola.
L’edicolante mi saluta, la commessa del market è sempre lei, l’hospital bar è sempre al suo posto. Mi trovo naturalmente “a casa”, naturalmente a mio agio, naturalmente bene, come nell’infilarsi in un abito comodo. Tutto in contrasto con il tenore del viaggio, purtroppo l’ottimismo di Sassari è stato attenuato dalle ultime notizie di Cagliari. Le cose non vanno molto bene, non ci arrendiamo ma non vanno molto bene.
Ci si trova ad un certo punto della vita a confrontarci con la debolezza dei propri genitori. Si passa il versante, ci si rende conto che queste cose ti fanno diventare per forza “grande”, quando dentro di te il nostro io urla disperatamente di voler essere ancora “piccolo”.
Ora siamo tornati in Gallura, stiamo andando verso una nuova fase, una nuova avventura, un nuovo obiettivo.
Spero presto di parlare solo del matrimonio, spero…

Categorie:Senza categoria Tag:

Quasi quasi mi sposo

22 Settembre 2006 7 commenti


Come avrete ormai saputo, a meno voi non abitiate su di un atollo piccolo come un miniappartamento in compagnia di attricette pettorute, fantini matti come cavalli e suonatori di liscio senili, il nostro Battista si sposa.

Trovo impossibile che qualcuno di voi possa pronunciare le seguenti frasi:
1. “Ah! Non lo sapevo”
2. “Chi è Battista?”

La prima, per le ragioni di cui sopra, la seconda è perchè, in più di vent’anni che lo conosco, ho maturato l’idea che se in casa sua entrano nottetempo i S.E.A.L. vestiti di nero e se lo portano via (subito dopo aver scansato Mario che, tentando di nascondere vari sacchettini di plastica dall’odore inconfondibile urla “NON E’ MIA, ME L’HA DATA UN CERTO GIOVANNINO DI TEMPIO CHE CONOSCO A MALAPENA”), comunque, arrivano, se lo prendono, lo bendano e incaprettano, lo paracadutano a caso in un punto qualsiasi del mondo, bene, sono sicuro che entro le prime cinque persone che incontra ce ne sarà una che gli sorride e gli fa “O Battì, e che ci fai qui?”.
Lo conoscono tutti e conosce tutti.
Ha una agenda telefonica peggiore di quella di Gianni Minà, sotto la P ci sono io, c’è il Papa, Portia De Rossi, Patrizio Saba, Patrizio Oliva, Enzo Braschi detto il Paninaro, Peter Tosh (conosciuto tramite Mario e Giovannino), Patrizia (lui la conosce marginalmente, Lapo la conosce molto più a fondo) e una certa Paris.
Non vi dico chi c’è sotto la D.
So solo che ha una pagina tutta per lui e, tra le note di Battista c’è “devo ridargli il suo bicchiere”.

In ogni caso, per motivi inspiegabili e imprescindibili l’umana comprensione, Cinzia, una ragazza eccezionale, bella, simpatica e intelligente (con l’unico difetto di avere un rapporto conflittuale con i gradini), ha accettato la sua proposta di matrimonio.

So quello che state pensando.
“Speriamo che vadano ad abitare in una casa ad un piano solo”.

Cattivi.
Al matrimonio sarete messi al tavolo con la temibile zia Palatronia, entrata nel Guinness per considerare il sapone uno strumento del diavolo.

No, gli sposati tra voi staranno redigendo le “Dieci regole per un buon matrimonio”, i non sposati staranno pensando “un altro matrimonio dove posso sbronzarmi in santa pace prima che tocchi a me”, Valentina invece starà pensando “BWWAAAAHHHH!! Nessuno mi si piglia, si sposano tutti e a me non mi vuole nemmeno quello che esce dalla fila alla posta nella pubblicità delle pillole contro la diarrea, BWWAAAAAAHHH!!”.

Sono tante le cose da dire su Battista e sul matrimonio in generale, adesso però devo staccare perchè ho sentito che mia moglie è riuscita ad allentare i nodi, devo scappare.
A presto, spero.

Categorie:Senza categoria Tag: ,

1-9-2005 / 1-9-2006

1 Settembre 2006 5 commenti


Il primo anno del nostro blog…
Dodici mesi ma ne vorrei ricordare solo undici.
Infatti sono reduce dal peggiore agosto della mia vita.
Io da sempre adoro l’estate e agosto in particolare, mi piace da morire andare al mare e rimanere fino al tramonto in spiaggia a godere dell’atmosfera magica che si viene a creare.
Le serate a fare nulla se non chiaccherare seduti nei tavolini del solito bar.
Vedere gli amici che vivono “in continente” o che si frequentano poco durante l’anno.
Questa è per me l’estate e, da quando lavoro, questo è agosto.
Tranne quest’anno. I problemi di salute di mia madre (vorrei ringraziare tutti quelli che con un gesto o una telefonata mi sono vicini), il piede ingessato di Cinzia e il fatto che in tutto ho fatto un (1) giorno di ferie mi hanno rovinato il mio mese…
Torniamo al blog, 11 mesi interessanti e divertenti, dopo una bella partenza ci siamo un po’ arenati nelle secche del poco tempo (anche in coincidenza dei miei due traslochi e del scollegamento dalla “rete”) ma grazie a Paolo si è riusciti sempre a trovare qualcosa di bello e divertente da leggere.
Ora si riparte, sperando in un settembre migliore e in un anno pieno di vita e di storie da raccontare di persona e nel blog.
Ringrazio tutti quelli che hanno contribuito con post o commenti alla vita di questo “diario”, e spero in numerosi contributi futuri, e anche solo i semplici lettori.
Rimanete in linea si ricomincia…

Categorie:Senza categoria Tag: